Post

Menzione d'Onore al 9° Concorso Nazionale «Poesie d'Amore»

Immagine
"Scilla con gli occhi di mare

Scilla pulita, rapita in un mondo castello, porta segreta sul fondo -mistero- avvolta in un manto nero di spuma Scilla, ti sento cantare… allieti tempeste in un soffio di labbra"

EOSTRE

Immagine
- Da "Eostre", Manuel Lucaroni 2018

[...]
Vestita a festa d’arcobaleno fiorivi
tra i prati sereni, lucenti le chiome
dialogavano con gli esseri intorno:
pascevi le lepri saltellanti
in tuo onore coglievan smeraldi
zaffiri, labbra di rubini
sfuggente apprezzavi l’omaggio
- schiva, dignitosa creatura -
consegnavi il tesoro ai piaceri dell’uomo
- oh, ingratitudine di questo mondo-
e lui vigliacco sprecava l’amore
trattandolo come un bottino:
fiumi, mari, cielo, terra, prati
divennero resti e macerie inquinati
i falsi dèi nuovi gongolanti
lo stolto ignaro invitava a banchetto.
[...]
(immagine da Natsentinel)

Giornata Mondiale della Poesia

Immagine
“Il re è nudo; 
non spoglio di vestiti, ma di filtri ai sentimenti. 
Si mostra ora, la luce
con un manto di parole”
- Anno di Sangue, Introduzione, AUGH! Edizioni 2017



176 ANNI DALLA NASCITA DI STEPHAN MALLARME'

Immagine
Auguri a Stéphan Mallarmé (Parigi, 18 marzo 1842 – Valvins, 9 settembre 1898).

AngosciaNon vengo questa sera per il tuo corpo, o bestiaChe i peccati d'un popolo accogli, né a scavareNei tuoi capelli impuri una triste tempestaSotto il tedio incurabile che versa il mio baciare:Chiedo al tuo letto il sonno pesante, senza sogni,Librato sotto il velo segreto dei rimorsi,E che tu puoi gustare dopo le tue menzogneNere, tu che del nulla conosci più che i morti.Poi che il Vizio, rodendomi l'antica nobiltà,M'ha come te segnato di sua sterilità;Ma mentre nel tuo seno di pietra abita un cuoreChe crimine o rimorso mai potrà divorare,Io pallido, disfatto, fuggo col mio sudario,Sgomento di morire se dormo solitario.- Stéphane Mallarmé
da PensieriParole <https://www.pensieriparole.it/poesie/poesie-d-autore/poesia-19325?f=a:1228>

SECONDA PRESENTAZIONE "ANNO DI SANGUE"

Immagine
Presentazione della silloge di esordio di Manuel Lucaroni "Anno di Sangue", con illustrazioni delle poesie. Dialogo su progetti futuri dell'autore, poesia, giovani e società insieme alla Prof.ssa Schina. 
Evento su Facebook: https://www.facebook.com/events/440790563004551/



GRANADIGLIA: LA “PASSIONE” DEL FIORE COME “FRUTTO” DELLE PIEGHE BAROCCHE

Immagine
“Il Barocco non connota un’essenza, ma una funzione operativa”[1]
Così parla Deleuze in merito a un periodo culturale così complesso e vario come quello Barocco. Una stagione che ricerca e scopre, attraverso la “Meraviglia” creata dall’uso dell’ingegno, il mondo in tutte le sue forme (e pieghe) in una continua tensione armonica tra alto e basso, tra macrocosmo e microcosmo, tra fisico e metafisico, dove il singolo esiste e prende senso solamente nell’insieme, in funzione dell’altro. Ed è proprio in questo clima di continua indagine della realtà finalizzata a scoprirne le meravigliose e fitte “corrispondenze” che suscita un interesse particolare il fiore della Granadiglia, “oggetto” esotico (importato in Europa dal Brasile), completamente nuovo di cui si apprende subito la doppia natura (o di cui si spiega la piega nascosta) materiale – spirituale. “Si dice che abbia le insegne della passione”[2] riporta l’esploratore Gesuita José de Acosta in uno dei suoi scritti, dove la forma imperso…
Benvenuti nel blog! Letteratura, poesie, pensieri e tutta la passione del mondo.